logo del Ministero dello Sviluppo Economico
 
DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE
UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI
logo IPERICO
IPERICO - IL DATABASE INTEGRATO SULL'ATTIVITA' DI CONTRASTO ALLA CONTRAFFAZIONE
IPERICO - Intellectual Property Elaborated Report of the Investigation on COunterfeiting - Mercoledi 29 giugno 2016 -  - English version English version
piantina di iperico Il progetto IPERICO (Intellectual Property - Elaborated Report of the Investigation on Counterfeiting) è stato premiato fra i 10 migliori contributi del Call "10X10 Dieci Storie di qualità", l'iniziativa presentata da FORUM PA e dall'Associazione Italiana Cultura Qualità - Centro Insulare, "nata dalla volontà di dare spazio a coloro che, operando nella PA, hanno contribuito al miglioramento dei servizi resi ai cittadini e alle imprese".
Il progetto, presentato nell'ambito di FORUM PA 2012 nella mattina del 19 maggio 2012, ha ricevuto un diploma di merito.











Valid XHTML 1.0 Strict
CSS Valido!


IPERICO, ovvero Intellectual Property – Elaborated Report of the Investigation on Counterfeiting, è una banca dati sulle attività di contrasto alla contraffazione in Italia (sequestri) sviluppata sotto la guida del Ministero dello Sviluppo Economico, Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione – UIBM, con il supporto di un pool di esperti di Guardia di Finanza, Agenzia delle Dogane, e, in un momento successivo, del Servizio Analisi Criminale del Ministero dell'Interno.

sequestri e numero pezzi sequestrati suddivisi per anno

sequestri e numero pezzi sequestrati (questi ultimi espressi in migliaia) suddivisi per anno


Principale obiettivo di IPERICO è fornire informazioni integrate e sintesi di dati provenienti dalle banche dati proprietarie di ciascun organismo preposto al controllo, opportunamente normalizzati e armonizzati.
In particolare sono disponibili statistiche sul numero di sequestri, la quantità e la tipologia di prodotti sequestrati, la stima del valore medio degli articoli contraffatti e la distribuzione sul territorio nazionale, a partire dal 2008.

Sulla base dei dati raccolti in IPERICO, la Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione – UIBM ha pubblicato nel 2011 il primo rapporto sulla lotta alla contraffazione in Italia. Annualmente é disponibile on-line un aggiornamento di tale pubblicazione, in cui sono riportati, analizzati e contestualizzati i dati relativi ai sequestri effettuati a partire dal 2008. Il documento si configura quale indispensabile strumento di conoscenza del fenomeno, utile per meglio definire le strategie di contrasto al mercato del falso proprio grazie ad una visione estesa e globale sulla contraffazione.

Tra il 2008 e il 2014 l'Agenzia delle Dogane e la Guardia di Finanza hanno effettuato 115 mila sequestri, intercettando oltre 337 milioni di beni contraffatti; l'attività di contrasto ha dunque un andamento sostanzialmente stabile nel tempo, constatabile dalla dimensione media dei sequestri, che supera abbondantemente le 3 mila unità (v. Rapporto Iperico 2014 Il rapporto relativo al periodo 2008-2014 è in corso di pubblicazione).

ATTIVITÀ CORRELATE
censis
27/04/2016 Roma. Presentazione del programma nazionale di azioni territoriali anticontraffazione"

censis
Venezia: "Le tecnologie anti contraffazione: tutela della proprietà industriale e sviluppo economico"
- Materiali del convegno
Mercoledì 9 settembre 2015, Venezia - Marghera, Via Galileo Ferraris 5
censis
Presentazione della ricerca MISE - CENSIS: LA CONTRAFFAZIONE: DIMENSIONI, CARATTERISTICHE E APPROFONDIMENTI
Martedì 30 settembre 2014, Senato della Repubblica, Palazzo Giustiniani - Sala Zuccari
RAPPORTO 2014. La parola ai giovani e al territorio.
unicri
16-17 giugno 2014 Roma.
Conferenza congiunta Dglc Uibm Mise Dipartimento di stato USA e UNICRI

convey
Milano, 14 maggio 2014
In occasione della presentazione della Guida Convey - ItaliaOggi 2014, convegno sulla contraffazione in Internet: dallo studio del fenomeno alla sua repressione

sport
Conferenza UAMI ed Europol sui reati ai danni della PI nel settore sportivo
Alicante, 26-28 marzo 2014
Per sostenere la lotta ai reati ai danni della PI nel settore dello sport, Europol e l'UAMI, attraverso l'Osservatorio europeo sulle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale, hanno organizzato un evento ad Alicante dal 26 al 28 marzo 2014, che ha riunito specialisti delle aziende del settore sportivo, inquirenti esperti del settore e funzionari di polizia provenienti da tutta l'UE e non solo. ... proseguire nella lettura ...All'evento hanno presenziato rappresentanti delle principali autorità europee e internazionali, tra cui il Consiglio nazionale brasiliano per la lotta alla pirateria, la Commissione europea, l'Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale e l'Organizzazione mondiale delle dogane.

UNODC
Contraffazione: Non comprare dalla criminalità organizzata
Roma, 14 gennaio 2014
l'Ufficio delle Nazioni Unite contro la Droga e il Crimine (UNODC) ha lanciato oggi una nuova campagna per sensibilizzare i consumatori sul traffico illecito di beni contraffatti, che vale 250 miliardi di dollari l'anno.... proseguire nella lettura ...
La campagna - "Contraffazione: Non comprare dalla criminalità organizzata" - spiega ai consumatori che comprare beni contraffatti potrebbe finanziare la criminalità organizzata, mettere a rischio la salute e la sicurezza dei consumatori e causare altre problematiche etiche ed ambientali.
Il punto focale di questa campagna é un nuovo annuncio di servizio pubblico in formato video intitolato "Look Behind" che sarà lanciato il 14 gennaio sullo schermo del NASDAQ a Times Square a New York e sarà trasmesso da varie emittenti televisive a gennaio. La campagna invita i consumatori a riflettere sulla contraffazione di merci e scoprire e comprendere i meccanismi e le ripercussioni multiformi di questo commercio illecito.


alicante 6 novembre 2013
Awareness and Knowledge Building Conference on Counterfeit Household Products and Fake Automotive Parts
While most consumers in the EU are aware that high end, luxury goods sold at greatly reduced prices are unlikely to be genuine, many shoppers may still be deceived into buying some of the more dangerous counterfeits that are appearing on the market.
The increasing detection of dangerous fake consumer household products, including perfume, toys, shampoo, electronics and even food, beverages and alcohol is extremely worrying. Alongside this, the market for fake auto parts is also on the rise.... proseguire nella lettura ...
In the past, counterfeit car parts were mainly focused on items such as window wipers, mud flaps and interior accessories. Nowadays, counterfeit brake pads, tyres, suspension components and steering linkages are all available. Many are dispatched in small packages, through the Express Mail Services (EMS). This makes detection and enforcement extremely difficult.
To help Member States deal with this crucial issue, and to help strengthen cooperation between agencies in this field, EUROPOL and the EU Observatory co-hosted a knowledge building conference between 4th and 6th November 2013, to seek practical ways of tackling the problem.
The 3-day conference brought together private sector experts in the field, alongside competent EU and international authorities, including the European Commission, OLAF, INTERPOL and the World Customs Organisation.
The conference panel added value to the debate, composed as it was of private sector experts from major household and automotive brands, alongside representatives of national authorities from all Member States and EU and international authorities, including the European Commission, OLAF, INTERPOL and the World Customs Organization.
Around 100 people attended, including police, customs, prosecutors and consumer protection services, plus industry experts from major household and automotive brands from across the EU, EFTA, non-EU states (e.g. Serbia and Albania) and the USA (including policy, law enforcement and the Underwriters' Laboratory).
After successful conferences targeting fake pesticides or pharmaceutical products, this event, jointly organised with Europol, and with the support of the European Commission and US Customs and Immigration, focused on domestic appliances and automotive sectors, which also have particularly dangerous consequences for the general public as well as for industry, which has to absorb additional costs due to the counterfeit trade and which is deprived of significant legitimate revenues.


pharmacrime
Osservatorio europeo e Europol insieme nella lotta contro la criminalità e la contraffazione farmaceutica
26-28 giugno 2013
I medicinali contraffatti e le attività illecite in campo farmaceutico costituiscono una minaccia significativa alla salute e alla sicurezza pubblica in Europa. Come risposta, l'Osservatorio europeo sulle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale, presso l'Ufficio per l'Armonizzazione nel Mercato Interno (UAMI) e l'Europol, dal 26 al 28 giugno 2013 hanno ospitato un'importante conferenza ad Alicante, in Spagna. ... proseguire nella lettura ...La conferenza intende rafforzare la cooperazione transfrontaliera e inter-agenzie e individuare modalità pratiche per contribuire alla lotta contro la criminalità e la contraffazione farmaceutica nell'UE. Basti pensare che nel 2012 i medicinali contraffatti erano in cima alla lista degli articoli sequestrati dalle autorità doganali europee, con più di 27 milioni di prodotti sequestrati.
Con il supporto del PSI (Istituto per la Sicurezza Farmaceutica), un'organizzazione senza scopo di lucro che rappresenta le principali aziende farmaceutiche attive in tale lotta, la conferenza riunisce, nel primo evento europeo di questo genere, quasi tutte le autorità europee e internazionali competenti in materia, quali INTERPOL, l'Organizzazione mondiale delle dogane, i servizi del Consiglio d'Europa e della Commissione europea e i servizi competenti della polizia dell'UE e delle dogane, le agenzie di regolazione in campo sanitario e farmaceutico e gli esperti di partner privati dell'UE.
A livello nazionale, data l'importanza del tema e del fenomeno, la Direzione Generale per la lotta alla Contraffazione-UIBM, su impulso della Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e del Comando Carabinieri per la Tutela della Salute (NAS) ed in collaborazione con la Direzione Generale per il Mercato, la Concorrenza, il Consumatore, la Vigilanza e la Normativa Tecnica del Ministero dello Sviluppo Economico, ha organizzato nei mesi scorsi un gruppo di lavoro esteso anche al Ministero della Salute, per la verifica delle condizioni per impedire l'accesso al pubblico sul territorio italiano a siti internet che propongono illegalmente la vendita on-line di farmaci, anche nei casi di contraffazione.
Tale cooperazione si è tradotta, nell'immediato, nella segnalazione di AIFA e NAS all'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) con il successivo intervento nel procedimento della DGLC-UIBM che, con un provvedimento adottato in sede cautelare il 19 giugno 2012, ha deciso di inibire l'accesso a due siti on line, tra loro collegati, che offrono illegalmente ai consumatori italiani la vendita di farmaci senza ricetta medica, nonostante si tratti di medicinali per i quali è, invece, necessaria la prescrizione, mettendo così a rischio la salute dei consumatori.
Il gruppo di lavoro, che verrà istituzionalizzato da AIFA in una conferenza di servizi, attualmente si riunisce periodicamente per valutare le segnalazioni ricevute da ciascuna amministrazione, il relativo avanzamento istruttorio concordato ed individuare le conseguenti proposte di azione.
In questo modo la DGLC-UIBM ha integrato nella propria attività di elaborazione di politiche pubbliche anticontraffazione anche il contrasto diretto al fenomeno, grazie alla stretta collaborazione con le autorità di enforcement competenti, in un settore particolarmente sensibile per la salute dei consumatori quale quello dei farmaci.
censis
Dimensione, caratteristiche e approfondimenti sulla contraffazione - a cura del CENSIS
Rapporto finale
innovaccess
THE FIGHT AGAINST COUNTERFEITING:
ANNUAL REPORT 2011
L'intervento della DGLC-UIBM al Workshop londinese del 13 marzo 2013 sull'IPR enforcement
unicri
MAPPATURA DEL COINVOLGIMENTO DELLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA IN ITALIA IN ATTIVITÀ DI CONTRAFFAZIONE
La Direzione Generale per la lotta alla contraffazione ha condotto con UNICRI uno studio su una serie di casi italiani rappresentativi sul fenomeno della contraffazione.
Obiettivo finale del progetto é stato quello di dimostrare e ottenere una migliore comprensione del coinvolgimento di reti criminali transnazionali in attività di contraffazione. La situazione esistente sul territorio italiano é stata analizzata come caso di studio. A questo scopo, UNICRI ha effettuato una mappatura del coinvolgimento delle organizzazioni criminali in Italia e dei loro collegamenti con altri gruppi criminali e con i traffici illeciti gestiti da reti criminali transnazionali.

piantina di ipericoIPERICO, HYPERICUM PERFORATUM
o Erba di San Giovanni

Famiglia delle Hypericaceae, Guttiferae. Si dice sia una pianta scaccia diavoli, per questo il nome di hypericum che significa "sopra l'immagine", per l'uso antico di appenderla sopra l'immagine sacra per allontanare i demoni del male, perforatum perchè in controluce le foglie sembrano perforate. Tra i componenti dell'Iperico abbiamo: un olio essenziale e derivati fenolici, tra cui un pigmento rosso chiamato ipericina, e da questo deriva il nome di erba di San Giovanni in quanto il rosso ricorda il sangue versato dal Santo fatto decapitare da Salomé. La festa di San Giovanni del 24 giugno si rifà ad un rito pagano dei Germani, i quali usavano addobbare con l'iperico fiorito i luoghi dove festeggiavano il solstizio d'estate.