Il Ministero

04/03/10 - Il Protocollo d'intesa e Convenzione con Anci Puglia

Presidio del territorio nella lotta al mercato del falso con l'Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) in Puglia

Il partner

ANCI è titolare della rappresentanza istituzionale dei Comuni, delle Città metropolitane e degli enti di derivazione comunale nei rapporti con il Governo, il Parlamento e tutte le istituzioni o gli Enti centrali o di rilievo nazionale. In quanto tale può promuovere lo studio di problemi che interessino gli associati nonché prestare informazione, consulenza ed assistenza agli associati, direttamente o mediante altri soggetti, anche partecipati. ANCI Puglia è la declinazione regionale della rappresentanza nazionale.
In data 17 novembre 2009 è stato firmato un protocollo di intesa con l'obiettivo di realizzare congiuntamente azioni tese ad incrementare la consapevolezza circa il fenomeno della contraffazione nella Regione Puglia e contrastarne lo sviluppo.
In data 4 marzo 2010 è stata firmata una convenzione nell’ambito del Protocollo per ulteriori azioni sul territorio, sia a livello di analisi e indagine, sia a livello operativo.

 

Il contesto

La produzione di merci contraffatte in Italia si concentra in larga parte nelle regioni del Sud Italia; la Puglia detiene un primato negativo relativo al crescente sviluppo dell'industria del "falso", soprattutto per la presenza di importanti porti commerciali. Tra tutte le aree interessate da fenomeni di infiltrazione della criminalità organizzata nella vita economica, l'imposizione della merce contraffatta agli esercizi commerciali costituisce uno strumento di profitto e di controllo dell'economia. Per tale ragione i Comuni sono l'ente che profonde il massimo impegno nel contrasto all'abusivismo commerciale, sia in termini di risorse impiegate, sia per la prevenzione che per la repressione del fenomeno, attraverso le forze di polizia locali.

 

Obiettivi dell'intesa

Attraverso il protocollo, ANCI Puglia e la Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione - Ufficio Italiano Brevetti e Marchi intendono instaurare una proficua cooperazione per diffondere nel territorio di riferimento, nelle imprese, nei cittadini e in tutti gli interlocutori la consapevolezza circa il fenomeno della contraffazione nella Regione Puglia e fornire strumenti adeguati di difesa e di denuncia.
Si rende manifesta inoltre la volontà delle parti circa l'estensione ad uno o più dei capoluoghi di provincia dei contenuti e dei supporti elaborati per la campagna di comunicazione contro la contraffazione avviata con il Comune di Roma.

 

Azioni previste e in corso di attuazione (sezione in costante aggiornamento)

  • Attuazione di un progetto congiunto di studio e analisi del fenomeno, con particolare riferimento alla sua declinazione all'interno del territorio regionale, e di conseguente azione comune, anche in prospettiva di una sua diffusione ad altre realtà regionali
  • Campagne di comunicazione sui capoluoghi di provincia per sensibilizzare cittadini ed imprese a un consumo consapevole e ai rischi indotti dall'acquisto di merce contraffatta. È stata realizzata nel mese di dicembre 2009 la prima campagna informativa sui capoluoghi di Bari e Brindisi.
  • Coinvolgimento delle aziende operanti nel territorio sulle tematiche attinenti la tutela e la valorizzazione dei diritti di proprietà industriale.
  • Coinvolgimento di eventuali ulteriori organismi pubblici e privati sulle tematiche oggetto del presente protocollo.
  • È stato definito e approvato nel mese di Giugno 2010 il questionario per l’indagine da condurre sui consumatori in materia di lotta alla contraffazione, inserito nell’ambito della convenzione firmata in data 4 marzo 2009.
     

INFORMATIVA

Il sito utilizza cookie tecnici per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione - senza modificare le impostazioni del browser - accetti di ricevere i cookie. Se non desideri ricevere i cookie, modifica le impostazioni del tuo browser, ma sappi che alcuni servizi non funzioneranno correttamente. Per saperne di piu'

OK