Osservatorio sulla contraffazione

La DGLC-UIBM  ha creato un  Osservatorio Nazionale sulla contraffazione  realizzando  indagini, studi e ricerche sul fenomeno, anche in collaborazione con partner nazionali e internazionali, al fine di approfondirne la conoscenza ed offrire al decisore politico informazioni scientificamente fondate, utili anche per stimolare il dibattito culturale e orientare correttamente le attività di comunicazione al grande pubblico.

Abbiamo voluto ripercorrere i passaggi più significativi dell’attività della Direzione, raccogliendo nel Rapporto sulle politiche anticontraffazione  le principali iniziative che nel corso degli anni sono state rivolte, in particolare nel campo della prevenzione e della sensibilizzazione a target differenziati.

 I vari filoni di ricerca, si riferiscono ai seguenti ambiti:

  1. impatto economico-fiscale della contraffazione sul Paese ;
  2. analisi della contraffazione in specifici settori o territori ;
  3. coinvolgimento della criminalità organizzata nella contraffazione
  4. analisi dei dati sui  sequestri di prodotti contraffatti compiuti in Italia, raccolti nel database IPERICO
  5. indagini sui consumi di prodotti contraffatti e percezione del fenomeno da parte dei consumatori  e delle imprese;
  6. quantificazione della contraffazione online e caratteristiche che il fenomeno assume in ambiente Internet, anche con riferimento al web 2.0.

 

1) Impatto economico-fiscale della contraffazione sul Paese

 

Dimensioni, caratteristiche e approfondimenti sulla contraffazione. Rapporto finale", Roma 2012

Il rapporto “Dimensioni, caratteristiche e approfondimenti sulla contraffazione. Rapporto finale” pubblicato nel 2012 e redatto dal Censis (Centro Studi Investimenti Sociali), in collaborazione e dietro committenza della DGLC-UIBM, fornisce una stima del presunto “fatturato della contraffazione” in termini di consumi di prodotti contraffatti,  e del relativo impatto di tipo macroeconomico, a livello aggregato ed in relazione a ciascun settore coinvolto, nel biennio 2008-2010…(Leggi tutto-Link)

 

La contraffazione:  dimensioni, caratteristiche ed approfondimenti. La parola ai giovani e al territorio. Rapporto 2014, Roma 2014

Lo studio rappresenta un aggiornamento della stima sul valore del mercato interno della contraffazione all'anno 2012 e sul suo impatto sulle principali grandezze economiche e fiscali. La pubblicazione inoltre riporta  un’indagine su  soggetti appartenenti ad enti intermedi di rappresentanza delle imprese e dei lavoratori (PARTE III) che operano in tutte le regioni italiane.

L’indagine è stata realizzata al fine di avere  un quadro sulle azioni e le iniziative che sono state realizzate  per le imprese e a raccogliere proposte per interventi futuri; è stato condotto inoltre un  approfondimento quali - quantitativo sul rapporto tra i giovani e la contraffazione mediante interviste individuali, focus group ed un’indagine diretta su 500 giovani frequentatori dei mercati romani (PARTE IV). La parola ai giovani e al territorio parte da un aggiornamento ed un approfondimento della stima del fatturato della contraffazione e del suo impatto sulle principali variabili di carattere macroeconomico, per poi indagare ed approfondire i comportamenti e le opinioni delle imprese e dei giovani... (Leggi tutto-Link)

 

La contraffazione: dimensioni, caratteristiche e approfondimenti -Roma 2016

Nel 2015, secondo la stima dell’ultimo studio , la contraffazione in Italia si è attestata su un fatturato illecito stimato pari a  6,9 miliardi,  sottraendo al sistema economico legale nazionale oltre 100 mila unità di lavoro a tempo pieno, pari a circa lo 0,44% dell’occupazione complessiva nazionale…(Leggi tutto-Link)

 


 

2) Analisi della contraffazione in specifici settori o territori

Le informazioni sulle specificità e sui fabbisogni locali rappresentano un elemento fondamentale per la messa a punto di politiche e azioni efficaci, attraverso un flusso informativo “virtuoso” tra il livello centrale e il livello locale, e viceversa.

 

Il Programma nazionale di azioni territoriali anticontraffazione

Da tale convinzione nel dicembre 2010 è nato Il Programma nazionale di azioni territoriali anticontraffazione, promosso dalla Direzione Generale e realizzato in collaborazione con ANCI, con la finalità di prevenire e contrastare la contraffazione e la cultura dell’illegalità sul territorio, con il coinvolgimento attivo dei Comuni italiani.

Gli sviluppi e gli esiti del Programma sono stati raccolti nel Rapporto conclusivo (2016), che illustra e sistematizza le diverse tipologie di intervento nei Comuni italiani, ne rileva gli impatti positivi e soprattutto evidenzia i presupposti, da un lato, e l’eredità delle iniziative sui territori, dall'altro.

 

Studi territoriali

Nel 2016 e nel 2017 è stato avviato dalla Direzione Generale Lotta alla contraffazione-UIBM un programma di studi territoriali, con la collaborazione del Censis (Leggi gli studi dell'anno 2016- Leggi gli studi dell'anno 2017- Firenze e Genova)

 

Analisi settoriali

Nel 2015, nella cornice di Expo 2015, la Direzione ha avviato uno studio con la collaborazione di UNICRI:  un’analisi comparata  della situazione legislativa e di risposta alla contraffazione nei Paesi di un’ampia area Euro-mediterranea – 19 Paesi –  con particolare riferimento al settore agroalimentare, volta a evidenziare le soluzioni avanzate dagli Stati alla minaccia emergente posta dalle frodi alimentari e dalla contraffazione, aggravata dalla globalizzazione dei mercati e della domanda, oltre che dalla crescente integrazione delle filiere produttive. 

Pubblicazioni:


 

 3) Coinvolgimento della criminalità organizzata nella contraffazione

Per una conoscenza effettiva della contraffazione e per politiche di contrasto e prevenzione efficaci, non si può prescindere dallo studio delle dinamiche di penetrazione e sviluppo nei mercati, della rete di connivenze che sostiene e alimenta la contraffazione.

La ricerca, “La contraffazione come attività gestita dalla criminalità organizzata transnazionale: il caso italiano” in collaborazione con UNICRI, l'Istituto interregionale delle Nazioni Unite per la Ricerca sul Crimine e la Giustizia, che ha nella sua stessa mission la ricerca applicata sui temi della criminalità organizzata, muove dallo studio dei dati internazionali sul traffico di merce contraffatta delinea un quadro completo del fenomeno italiano, comprensivo delle implicazioni della criminalità organizzata anche straniera.  Grazie alla collaborazione  con UNICRI, la DGLC-UIBM ha acquisito dati sul coinvolgimento della criminalità organizzata, italiana e transnazionale, nel commercio illegale di prodotti contraffatti in Italia e sulle direttrici in ingresso e in uscita di tali traffici, gestiti dai gruppi criminali...(Leggi tutto-Link)

 

STOPFAKE: "Contraffazione e criminalità organizzata: dai dati alla prevenzione" Roma, 14 marzo 2017

Stopfake è un progetto di ricerca applicata che ha prodotto un metodo e un sistema informativo (prototipo) 'STOPFAKE IS' innovativo per la raccolta, la gestione e l’analisi automatica di dati pubblici e privati su contraffazione e criminalità organizzata a livello nazionale, allo scopo di supportare l’attività di prevenzione e contrasto degli stakeholders (forze di polizia, istituzioni pubbliche, imprese, organizzazioni no-profit)... (Leggi tutto-Link)

 


 

4) analisi dei dati sui  sequestri di prodotti contraffatti compiuti in Italia, (IPERICO)

Intellectual Property Elaborated Report of the Investigation on Counterfeiting )

 IPERICO è un database che raccoglie dati dell’attività di contrasto alla contraffazione in termini di numero di sequestri, quantità e categoria merceologica dei prodotti sequestrati, stima del valore medio degli articoli contraffatti sequestrati e distribuzione sul territorio nazionale, a partire dal 2008...(Leggi tutto-Link)


 

5) Indagini sui consumi di prodotti contraffatti e percezione del fenomeno da parte dei consumatori e delle imprese 

 

Indagine Associazione Consumatori 

Nel 2010 la Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione - UIBM ha affidato alle Associazioni dei Consumatori, cofirmatarie di uno specifico protocollo d’intesa, la realizzazione di una ricerca su “La percezione della contraffazione tra i consumatori”, con l’intento di indagare su:

  • la dimensione del fenomeno
  • le modalità e i canali di acquisto di prodotti contraffatti
  • le tipologie di prodotti maggiormente acquistati
  • la consapevolezza dei rischi personali che si corrono e dei danni economici causati da questo tipo di acquisti (Leggi tutto-Link)

  

Indagine Unioncamere sulla contraffazione nei settori calzaturiero e dell’occhialeria 

Nel dicembre 2011 l’Unioncamere, nell'ambito delle attività previste nella convenzione siglata con la DGLC-UIBM, ha presentato un’indagine conoscitiva sulla percezione del fenomeno della contraffazione in Italia da parte dei consumatori (1.000 interviste a campione) e delle imprese (1.000 interviste a campione, ambiti produzione e commercio), con focus su occhialeria e calzaturiero...(Leggi tutto-Link)

 

Indagini Mise-Censis

Più di recente sono state condotte altre indagini in collaborazione con Censis   

Pubblicazioni:

Rapporto Contraffazione 2012, 2014  


 

6) Quantificazione della contraffazione online e caratteristiche che il fenomeno assume in ambiente Internet, anche con riferimento al web 2.0.

 

Studio sulla contraffazione via Internet nei settori calzature e occhiali

È un progetto di ricerca pilota realizzato nel 2013 e finalizzato a stimare il fenomeno della contraffazione online intesa come contraffazione di marchi. Esso ha riguardato l’individuazione di una metodologia e degli strumenti informatici utili a fornire una stima del fenomeno a livello aggregato (ossia di settore) e l’applicazione di questa metodologia e di questi strumenti a due settori specifici - calzature e occhiali – evidenziando per gli stessi le logiche e le dinamiche che caratterizzano la contraffazione in ambiente internet.

 Pubblicazioni:

INFORMATIVA

Il sito utilizza cookie tecnici per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione - senza modificare le impostazioni del browser - accetti di ricevere i cookie. Se non desideri ricevere i cookie, modifica le impostazioni del tuo browser, ma sappi che alcuni servizi non funzioneranno correttamente. Per saperne di piu'

OK