Osservatorio sulla contraffazione

 

Coinvolgimento della criminalità organizzata nella contraffazione

La ricerca è finalizzata ad ottenere una mappatura del crimine organizzato coinvolto in Italia nella contraffazione, e si fonda sull'analisi di documenti giudiziari, alcuni dei quali ancora sotto segreto istruttorio. A seguito dei risultati ottenuti dalla mappatura del coinvolgimento del crimine organizzato nei reati di contraffazione, è stato realizzato un ulteriore studio finalizzato ad analizzare la possibilità di supportare la lotta alla contraffazione attraverso il riutilizzo dei beni confiscati alle “mafie” dedite a tali attività, per finalità di sostegno allo sviluppo economico e promozione della proprietà intellettuale in territori altamente penalizzati dalla presenza di questi gruppi criminali. L’azione della DGLC-UIBM in ambito Nazioni Unite ha anche condotto, in coordinamento con la Rappresentanza diplomatica italiana a Vienna, all'approvazione di una Risoluzione della Commissione crimine e giustizia, approvata da tutti gli Stati Membri, che per la prima volta introduce il tema del traffico di prodotti contraffatti tra le materie oggetto di studio quale crimine emergente.

Evento correlato: 

16/17 Giugno: Roma, presentazione ricerca Mise-Unicri

Per saperne di più:

INFORMATIVA

Il sito utilizza cookie tecnici per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione - senza modificare le impostazioni del browser - accetti di ricevere i cookie. Se non desideri ricevere i cookie, modifica le impostazioni del tuo browser, ma sappi che alcuni servizi non funzioneranno correttamente. Per saperne di piu'

OK